IL LABORATORIO
QUI PUOI ACCEDERE A TUTTI I SERVIZI DI ASSISTENZA PER LA MIGLIOR APPLICAZIONE DEI PROTOCOLLI PER LA GESTIONE DEL PROGETTO ANTHEA

PROTOCOLLI D'INGAGGIO

(LE LETTERE PROPOSTE SONO ESCLUSIVAMENTE ESEMPLIFICATIVE)

Genitore / Genitore

E' rappresentato dalla lettera raccomandata ar che il padre o l madre che intende ingaggiare l'altro genitore deve inviare al fine di comunicare l'intenzione di aderire al Progetto Anthea attraverso l'adozione dell'App.

Avvocato Padre o Madre / Genitore

E' rappresentato dalla lettera raccomandata ar che il legale del padre o della madre che  intende ingaggiare l'altro genitore deve inviare al fine di comunicare l'intenzione dell'assistito aderire al Progetto Anthea attraverso l'adozione dell'App.

Avvocato Padre / Avvocato Madre

E' rappresentato dalla lettera che il procuratore della madre o del padre invia al legale dell'altro genitore al fine di comunicare l'intenzione del proprio assistito di aderire al Progetto Anthea attraverso l'adozione dell'App ed affinchè nelle condizioni di separazione consensuale vengano inserite apposite clausole ad hoc.

IPOTESI N.1

                                                                                               

                                                                                                            (Città), (data)


                                                                                                            Raccomandata ar. Egr. Sig.

                                                                                                            ...

                                                                                                            Via ...

                                                                                                            cap ....



Oggetto: Richiesta di adesione a Progetto Anthea - La prima piattaforma per la gestione nelle conflittualità genitoriale.


Caro ...,

Ti scrivo quale genitore padre (o madre) di ..., ed insieme genitori paritari dei nostri figli nato/i come atto consapevole da una rapporto affettivo che ha sicuramente goduto di momenti migliori. Ciò non toglie che entrambi rimaniamo genitori paritari con oneri ed onori in egual misura e se la vita ci ha condotto lontano ciò non toglie che i conflitti personali debbano riversarsi sulla serenità di ciò che abbiamo concepito.

E' per tale motivo che mi pongo a Te in modo costruttivo e per proporTi di aderire al Progetto Anthea di cui sono venuto/a a conoscenza da persone a me vicine. E' uno strumento creato per abbattere la conflittualità genitoriale in modo consapevole e volontario sfruttando strumenti che entrambi utilizziamo quotidianamente e, per il cui motivo, non dovrebbe rappresentare un problema particolarmente gravoso.

In poche righe Ti dico che si tratta di una applicazione per smartphone o tablet attraverso la quale entrambi potremo comunicare e gestire le problematiche di (nome figlio/i) in modo tale che tutto sia conservato e documentato anche con servizi estremamente utili per tutti. Questo ci permetterà un confronto trasparente e civile per il bene di tutti e la possibilità anche di usufruire di servizi ulteriori per la famiglia quali la sicurezza dei nostri figli e la loro crescita emotiva.

Per non togliere nulla al Tuo tempo e per una miglior descrizione Ti rimando alla lettura del foglio che Ti invio in allegato e, sicuramente, più esaustivo delle mie parole.

Onestamente per il bene del/i nostro/i figlo/i mi auguro che Tu convenga che si tratta di un'opportunità che non possiamo rifiutare ora che, fortunatamente, esiste un aiuto concreto per noi genitori non più uniti, ma che ci permetterà di continuare come coppia genitoriale a mantenere un confronto civile.

Rimango, pertanto, in attesa di un tuo cenno di riscontro per sapere se esiste adesione spontanea e consapevole a quanto Ti sto proponendo. Mi sento in questo modo di tendere una mano per il bene dei nostri figli e, ne sono certo/a, saprai comprendere il motivo del mio gesto e le intenzioni più sincere che lo accompagnano.

Cordiali saluti.

                                                                                                             Cognome e nome


IPOTESI N.2


                                                                                                         (Città), (data)


Raccomandata ar.                                                                           Egr. Sig. / Gent.le Sig.ra

                                                                                                        ...

                                                                                                        Via ...

                                                                                                        cap ....



Oggetto:

Gent.le Sig.ra / Egr. Sig. .... si è rivolta/o a questo Studio il Sig./la Sig.ra ... il/la quale mi ha evidenziato le problematiche famigliari tra Voi esistenti e l'impossibilità di proseguire nella conduzione di una vita di coppia in quanto sarebbero scemati gli aspetti affettivi che rappresentavano il collante del nucleo formato.

Lo/La stesso/a mi ha chiesto di intervenire presso la Sua persona al fine di valutare se esiste la concreta volontà di addivenire ad una separazione consensuale in un ottica di gestione della separazione che escluda ogni tipo di contrapposizione e conflittualità.

A tale proposito, ed in presenza di minori, mi sono permesso/a di consigliare alla/al cliente di aderire alla piattaforma del Progetto Anthea che rappresenta uno strumento nuovo messo a disposizione dei coniugi in via di separazione per la prevenzione di qualsiasi aspetto conflittuale.

La piattaforma consta di un applicazione per smartphone e tablet attraverso la quale i genitori sono in grado di gestire gli aspetti più importanti della vita quotidiana dei propri figli e che rappresenta l'aspetto documentale dal momento che tutto quanto in esso transita costituisce documentazione indelebile in sede di contestazione e, pertanto, producibile in un eventuale giudizio.

Tutto ciò costituirebbe uno strumento di garanzia di trasparenza e correttezza nei reciproci rapporti.

Rimetto maggiore descrizione della piattaforma al materiale in allegato.

Pertanto, rimango in attesa di Suo cortese riscontro per conoscere la Sua determinazione in merito a quanto sopra richiesto ed evidenziato.

Distinti saluti.


                                                                                                          Avv. ...

IPOTESI N.3

                                                                                                   (Città), (data)


Raccomandata ar.                                                                      Egr. Sig

                                                                                                    ...

                                                                                                    Via ...

                                                                                                    cap ....


Oggetto:

Gent.le Collega, in riferimento alla posizione in oggetto ho ricevuto mandato da parte del mio cliente / della mia cliente di intervenire sulla vicenda che li contrappone e con evidente conflittualità che va a danno della prole di proporre al sig. ... / alla sig.ra ... adesione congiunta al Progetto Anthea al fine di calmierare e gestire la conflittualità in essere per il bene comune dei figli ... .

Operativamente il progetto consta di un applicazione per smartphone e tablet attraverso la quale i genitori sono in grado di gestire gli aspetti più importanti della vita quotidiana dei propri figli e che rappresenta l'aspetto documentale dal momento che tutto quanto in esso transita costituisce documentazione indelebile in sede di contestazione e, pertanto, producibile in un eventuale giudizio.

Tutto ciò costituirebbe uno strumento di garanzia di trasparenza e correttezza nei reciproci rapporti che andrebbe integrato nelle condizioni di separazione consensuale che andremo a redigere su basi concordatarie.

Rimetto maggiore descrizione della piattaforma al materiale in allegato.

Pertanto, rimango in attesa di Suo cortese riscontro per conoscere la determinazione del/della suo/a assistito/a in merito a quanto sopra richiesto ed evidenziato dopo un doveroso confronto con lo stesso.

Distinti saluti.

                                                                                                            Avv. .


Clausola per separazione consensuale

Ipotesi di clausola in separazione consensuale

 "Al fine di facilitare la gestione delle problematiche che riguardano la prole e per facilitare la gestione della conflittualità genitoriale le parti si dichiarano concordi nell'aderire al Progetto Anthea e ad utilizzare la relativa applicazione telematica che si impegnano ad utilizzare in modo esclusivo per qualsiasi comunicazione che possa riguardare i minori e ben consapevoli che tutte le comunicazioni che intercorreranno tra essi potranno essere oggetto di produzione documentale rappresentando prova ineluttabile ed incontestabile dalle parti, così come adeguatamente loro edotto in sede di adesione al progetto stesso.

Il mancato uso dell'applicazione non potrà essere oggetto di giustificazione alcuna e potrà essere liberamente valutato dal magistrato in caso di decisioni che derivino da atti e procedimenti attivati a seguito di insorta conflittualità tra i genitori successivamente.

Le parti concordano che il costo annuo dell'abbonamento della somma complessi di euro 61 (Sessantuono/00) iva compresa rimarrà a carico di ... il quale si impegna allo scarico dell'applicazione ed alla sua attivazione". Anche i successivi rinnovi annuali rimarranno sempre a carico del sig. ... ".

ALLEGATO PER LETTERA

dal associare alle lettere di cui alle ipotesi n.1 - n.2 - n.3

PROGETTO ANTHEA - PRIMA APPLICAZIONE PER FACILITARE LA GESIONE DELLA CONFLITTUALITA' GENITORIALE CON PIATTAFORMA DI CONTROLLO CONCESSA A SERVIZI SOCIALI E TRIBUNALI. ULTERIORI AMBITI DI INTERVENTO PREVISTI.

Il progetto Progetto Anthea è un progetto altamente innovativo e rivoluzionario in quanto per la prima volta cerca di fornire alle coppie genitoriali uno strumento atto a gestire la conflittualità genitoriale post - separazione e che permette loro di interagire, se necessario, con i Servizi Sociali attivati dal Tribunale in un modo nuovo e maggiormente partecipativo, nonché a fornire agli stessi ad al Magistrato una finestra in tempo reale sull'andamento della gestione famigliare della coppia

Il progetto si sostanzia in un "App" in grado di fornire ai genitori tutta una serie di servizi ed opportunità in grado di smorzare sul nascere tutti quegli spunti di conflittualità e lotta che troppo spesso attanagliano le coppie fresche di scissione e che le conducono in un liti inutili e pretestuose.

La stessa ha sostanzialmente anche uno scopo educativo verso la coppia in conflitto dal momento che ogni operazione dagli stessi svolta in una sorta di dialogo mediato a distanza potrà essere monitorato dall'operatore sociale e, se necessario, anche dal Magistrato i quali, con accesso ai dovuti pannelli telematici messi a disposizione gratuitamente, potranno monitorare quanto già precedentemente autorizzato dalle parti in sede di adesione all'atto della registrazione iniziale al servizio.

Il vero fulcro innovativo che il progetto propone è quello di fornire al magistrato ed all'assistente sociale una sorta di "cruscotto" attraverso il quale in tempo reale potranno osservare l'andamento della conflittualità della coppia la quale, attraverso un uso consapevole

dell'applicazione, svolgeranno la loro interazione che sarà tracciata ed a disposizione delle parti anche come prova in ambito giudiziale.

In particolare la coppia genitoriale potrà, sempre attraverso l'app, avere un filo diretto con l'assistente sociale chiedendo consigli, appuntamenti presso le sedi istituzionali e fornire comunicazioni utili alla miglior gestione dei minori. Nessun contatto diretto con il Magistrato a cui viene concesso, in ogni caso, la possibilità di osservare la coppia qualora nel corso di un procedimento dovesse risultare opportuno una valutazione in tempo reale.

E' chiaro che tali operazioni saranno possibili attraverso una policy e doverose liberatorie concesse dai genitori al momento della sottoscrizione della licenza per l'uso dell'app che specificatamente prenderanno atto delle modalità di uso dell'applicazione e delle loro conseguenze.

L'uso dell'app ha sostanzialmente una FUNZIONE GESTIONALE, che permette ai genitori di usufruire di una gestione consapevole e curata delle operazioni; infatti i genitori ogni volta che interagiranno porranno in essere singoli "eventi" che si chiuderanno con feedback di gradimento o di non adesione. Tali singoli eventi creeranno uno "storico" che permetteranno così di valutare a "colpo d'occhio" l'andamento del rapporto genitoriale e che verrà cristallizzato all'interno dell'applicazione e non cancellabile. Questo rappresenterà un monito per i genitori che non potranno sottrarsi da una logica di rispetto consapevoli del monitoraggio esterno.

E' noto che spesso la consapevolezza del mancato controllo ed assenza di prove induce i genitori non sempre ad un rispetto degli accordi e dell'altro genitore.

Ha una FUNZIONE EDUCATIVA dal momento che è previsto in fase di sviluppo dell'app anche la presenza di un controllo mediato dei dialoghi attraverso un monitoraggio automatico del linguaggio in grado di rilevare frasi inappropriate ed offese con l'intervento immediato del sistema che blocca la conversazione fino alla correzione della frase ingiuriosa attraverso un sistema di allarme tecnico allo scrivente genitore.

Ha una FUNZIONE DI SICUREZZA dal momento che è stata conclusa una partnership con Sistem Sicurezza Spa, grande società di sicurezza con sede in Fiorano Modenese, che utilizza sistemi di protezioni personali in grado di monitorare a distanza persone (nel nostro caso i minori) potendo porsi in loro aiuto attraverso l'utilizzo di un sistema di geolocalizzazione in caso di aggressioni (bullismo) potendo allertare le forze dell'Ordine competenti per zona, oppure allertando il più vicino presidio medico in caso di malore, oppure permettendo la localizzazione del minore in caso di mancato rientro a casa da scuola o altri eventi (in caso di sospetto rapimento), ed infine potendo garantire il rientro a casa protetto e monitorato da operatore di centrale operativa.

Ha una funzione PEDAGOGICA e MOTIVAZIONALE, in quanto è stata conclusa una partnership con EKIS SRL (società di Reggio Emilia), una importante società di formazione e motivazione in materia di formazione ed istruzione formata in corsi sulla genitorialità e rapporti minori - genitori, attraverso la quale garantire un calendario di eventi formativi fondati sulla concretezza dei problemi famigliari attraverso i quali i minori ed i loro genitori potranno fruire di esperienze irripetibili sul territorio.

Tale società è in grado di fornire un'opportunità importante attraverso la varietà di lavori ed interventi sui minori e sui genitori conflittuali estremamente interessante e di qualità elevata.

Per quanto riguarda l'aspetto dei Servizi Sociali l'intento è quello di fornire loro uno strumento informatico nuovo (cd. Cruscotto) attraverso il quale l'operatore possa controllare in tempo reale l'andamento della coppia genitoriale da qualsiasi accesso telematico attraverso quello che diventerà una sorta di fascicolo telematico la cui configurazione potrà essere elaborata e costituita nel tempo anche attraverso i suggerimenti che potranno arrivare dagli operatori stessi.

Lo scopo è quello di innovare un sistema di controllo non sempre immediato. Spesso i passaggi che accompagnano l'attività dell'operatore sociale creano uno spreco di tempo che i minori non possono permettersi laddove, invece e spesso, la tempestività risulta fondamentale.

  Si tratta di una vera svolta nella gestione della conflittualità genitoriale laddove l'immancabile maggiore responsabilizzazione sfocerebbe nel doveroso aspetto educativo dei genitori ed un maggior efficace intervento dei Servizi Sociali.

IPOTESI DI SEPARAZIONE O DIVORZIO GIUDIZIALE

Mentre in caso di separazione giudiziale la richiesta potrebbe avere questo tenore: "Il sig. ..., alla luce della conflittualità narrata in atti e nell'impossibilità di addivenire ad un rapporto scevro di incomprensioni con l'altro coniuge e con la ferma volontà di individuare modalità concrete volta a gestire la conflittualità genitoriale che ritiene di avere individuato nel Progetto Anthea, costituito da applicazione telematica in grado di aiutare in tale problematica, chiede che questo Tribunale voglia indirizzare le parti in giudizio all'utilizzo di tale sistema di comunicazione imponendo che ogni rapporto intervenga attraverso di esso, mentre ogni omissione sarà oggetto di valutazione da parte del Tribunale stesso. Il sig. ... (genitore antagonista) viene reso edotto del fatto che tutte informazioni e dichiarazioni inserite nelle comunicazioni all'interno del sistema non potranno essere cancellate e rappresenteranno prova documentale procedibile in futuri giudizi tra le parti avente ad oggetto questioni attinenti ai rapporti tra i coniugi ed i minorenni. In denegata ipotesi in cui il Tribunale ritenga non possibile imporre l'uso di tale sistema di comunicazione, il sig. / la sig. ... chiede che in sede di conclusioni inviti formalmente la controparte ad esprimere pare adesivo od ostativo all'adozione della piattaforma. In caso ostativo lo si inviti, inoltre, a motivare la decisione di non adesione."

E' evidente che allo stato la piattaforma di questo progetto non ha connotato obbligatorio e nemmeno coercitivo da parte di nessun Magistrato, ma poggia unicamente su una volontà condivisa da parte dei genitori di individuare uno strumento che possa concretamente aiutarli nella gestione della conflittualità spesso consapevole.

E' chiaro che nell'ipotesi di una mancata adesione da parte di uno dei genitori ad un progetto che fa della trasparenza nei rapporti il vero punto di forza il genitore che ponga un netto rifiuto, o anche solo condizionato, all'uso esprime un dissenso che se non adeguatamente motivato potrà porre al Magistrato elementi di valutazione concreti sulla personalità dei soggetti coinvolti.

L'auspicio è che un giorno il Progetto Anthea possa trovare dignità di strumento legislativamente normato...